Ci hè dinù tanti paesi strangeri
Fratelli di la briglia è di l'umbasti
Chì traccianu l'idee è li cuntrasti
Sgracinendu cullane di penseri
Ci hè dinù tante razze malavviate
Surelle di l'albore culuritu
Chì piglianu la strada è lu partitu
Di cio chi ci leia à le storie andate

Ci sò tutti quessi è po ci sò eo
È lu so passu novu hè dinò meo

Ci hè dinù tanti populi malati
Fratelli di la frebba è lu dulore
Chì cantanu li so guai affanati
Cù lu vechju suspiru di l'amore
Ci hè dinù tante forze liberate
Surelle di lu mondu chi s'avvia
Vive, è da tante mane purtate
Chì ci mettenu lu core in allegria

Ci hè dinù tanti associ per furtuna
Fratelli di l'ochji aperti à lu sole
Indiati cum'è squadre di fole
D'ùn vulè più esse cechi à la funa
Ci hè dinù tante voci discitate
Surelle di a fede è di a salvezza
Chì portanu à l'avvene a so carezza
È valenu più chè le fucilate

Send Translation Add to playlist Size Tab Print Correct