Core'ngrato

Luciano Pavarotti

vistas 3.171

Catari, catari,
Pecchè me dici sti parole amare,
Pecchè me parle e 'o core
Me turmiento catari?

Num te scurdà ca t'aggio date 'o core, catari
Nun te scurdà!

Catari, catari, che vene a dicere
Stu parlà, che me dà spaseme?
Tu nun 'nce pienze a stu dulore mio
Tu num 'nce pienze tu nun te ne cura

Core, core 'ngrato
T'aie pigliato 'a vita mia.
Tutt' è passato
E nun'nce pienze cchiù!

Catari, catari,
Tu nun 'o saie ca'nfin'int' a na chiesa
Io so' trasuto e aggio priato a dio, catari.
E l'aggio ditto pure a 'o cunfessore:
I' sto a fuffrì
Pe' chella llà!
Sto a suffrì,
Sto a suffrì, nun se po' credere,
Sto a suffrì tutte li strazie!
E 'o cunfessore ch'è persona santa,
M'ha ditto: figlio mio, lassala sta', lassala sta'.

Core, core 'ngrato
T' aie pigliato 'a vita mia.
Tutt' è passato
E nun'nce pienze cchiù!